La Nostra Storia

UN PROGETTO NATO DA UNA GRANDE PASSIONE

E L'UNIONE DI DUE TERRITORI E DUE TRADIZIONI

Il tutto è nato da una grande passione per la terra, per i prodotti buoni e sani, quei sapori veri delle coltivazioni naturali, dall'unione di due vite e di due tradizioni. 

Un po per gioco, un pò per necessità di smaltire la produzione dell'orto o degli alberi da frutto e grazie alla passione di Michele per la cucina, abbiamo cominciato a conservare i prodotti: sottoli, conserve, marmellate, passate e tanto altro. L'interesse si è esteso ad altri prodotti, alla riscoperta di semi antichi, e abbiamo cominciato a costruire la nostra strada. 

Ci sono voluti parecchi anni e una buona dose di coraggio e pazzia ma alla fine tutto ha preso forma e speriamo di trasmettere nei prodotti questo grande amore.

il territorio, natura e qualità

ORTO DELLA VALLE

DEL DRAGONE

Volturara Irpina - Avellino

Volturara Irpina è un borgo situato sotto le pendici del Monte Terminio, a 685 metri sul livello del mare, nella cornice del parco Regionale dei Monti Picentini. I nostri terreni si snodano nella grande piana davanti al paese che nel suo sottosuolo ospita uno dei bacini idrici più importanti del Sud Italia, un serbatoio naturale che raccoglie pioggia per farla confluire in un lago ad inghiottitoio carsico, detto Bocca del Dragone dal quale prende il nome la piana stessa. L’abbondanza d’acqua da vita a un territorio fertilissimo e famoso per alcune colture tipiche e di tradizione come i mais antichi, il Fagiolo Quarantino, presidio Slow Food e altri prodotti tipici locali.

 

Come coltiviamo...

Volturara e la sua  terra fertilissima molto produttiva e adatta a colture tipiche differenti, dai mais di grani antichi al tipico Fagiolo Quarantino, presidio Slow Food.

Crediamo in una coltivazione naturale senza additivi chimici ne pesticidi, impostiamo le coltivazioni con irrigazione automatica e teli pacciamanti in modo tale da garantire sempre il giusto afflusso l'acqua e evitare il crescere di erbacce senza l'utilizzo di diserbanti.

Prediligiamo colture e semenze antiche o tradizionali ed ogni anno provvediamo ad un alternanza nelle semine nei vari campi e nei raccolti da permetterci di sfruttare al meglio i vari orti. 

Non è semplice e anche se ogni tanto la natura ci ricorda che i tempi li detta lei, questa alternanza ci permette di unire i vari prodotti tipici, lavorarli secondo le tradizioni locali e offrire dei sapori genuini e in un certo modo unici.